Alessandro Trapasso


img_6311-2
Inizia la sua formazione al pianoforte, arrivando a diplomarsi nel Settembre del 2013 sotto la guida del M° Roberto Guglielmo nel conservatorio “A. Boito” di Parma.Segue corsi di alto perfezionamento con pianisti sia italiani che esteri; tra i nomi più importanti si ricordano l’italiano Pietro De Maria, l’argentino Daniel Rivera e soprattutto l’iraniano Ramin Bahrami, con il quale approfondisce in maniera particolare l’interpretazione del repertorio bachiano al pianoforte, ambito nel quale il M° Bahrami è riconosciuto come autorità a livello mondiale.
In parallelo con il percorso di studi si annoverano diverse esperienze concertistiche in recital pianistici, come accompagnatore di cantanti e come solista e direttore assieme all’orchestra d’archi “Fides in musica” di Udine e all’orchestra “Dedalus Ensemble” di Parma; nell’ambito della musica da camera, oltre a concerti in duo con diversi strumenti (particolarmente fruttuosa la collaborazione con il flautista Enrico Coden), riporta un secondo premio assoluto alla settima edizione del concorso “I giovani e l’arte” organizzato dall’associazione E.P.T.A. – Italy assieme alla pianista Martina Spagnuolo, con un programma per pianoforte a quattro mani.

Partecipa anche a diversi festival musicali tra i quali ricordiamo la prima edizione del “World Bach- Fest” di Firenze e la 42° edizione dello storico festival “Settembre al Borgo” di Casertavecchia, in occasione del quale riceve una speciale menzione di merito da parte
del M° Bahrami stesso. L’interpretazione della musica di Bach al pianoforte lo porta anche ad esibirsi assieme ad altri tre selezionati giovani pianisti nella stagione concertistica 2012/2013 della prestigiosa “Accademia Filarmonica Romana”, in un concerto monografico dedicato interamente al Kantor di Lipsia.

La predilizione per la musica antica e l’approfondimento del repertorio antico al clavicembalo e all’organo danno vita ad una nuova fase della sua formazione artistica che raggiunge il suo compimento, nel Settembre del 2015, con l’iscrizione al Biennio accademico di secondo livello in clavicembalo presso il conservatorio di Parma, nella classe del M° Francesco Baroni.
Numerosi i concerti grazie alla fervente attività del Dipartimento di Musica Antica del conservatorio coordinato dal M° Roberto Gini, grazie al quale nasce uno spiccato interesse nei confronti della musica d’insieme e della retorica musicale, oggetto di studi affrontato in diversi corsi con la clavicembalista Emilia Fadini.

IMG_6276-2.jpgCome continuista collabora anche con realtà esterne al conservatorio, come ad esempio la“Camerata ducale di Parma”, sotto la direzione del M° Ruggero Marchesi.
Anche al clavicembalo non mancano corsi di alto perfezionamento, oltre che con la già citata Emilia Fadini anche con il famoso M° Christophe Rousset.
Nel 2015 realizza uno dei suoi sogni fondando, grazie alla collaborazione di giovani e preparati professionisti, l’orchestra da camera “Primavera Barocca Ensemble”, con l’intento di portare avanti un progetto di ricerca ed interpretazione della musica antica.
Da sempre accosta all’attività concertistica la passione per l’insegnamento che viene appagata grazie a fruttuose collaborazioni con scuole statali ed istituti privati nella città di Parma, dove tutt’ora risiede.